Scorte Petrolio

Scorte Petrolio in aumento

Petrolio, aumentano le scorte e calano le quotazioni dopo aver toccato i massimi

Petrolio in calo dopo la fase di rally che perdura ormai da diverse settimane. Nella seduta di mercoledì 7 ottobre, il Wti ha fatto registrare un calo di quasi due punti scivolando a 77,50 dollari al barile mentre il Brent è scivolato dell’1,67% a 81,16 dollari. Nella stessa seduta il greggio aveva registrato nuovi record con il Wti che aveva toccato il picco del prezzo da tre anni e il secondo da sette anni, dopo la decisione dell’Opec che ha disposto il non aumento della produzione per il mese di novembre confermando i 400.000 barili al giorno.

I dati infrasettimanali sulle scorte hanno fatto registrate una impennata rispetto alla settimana precedente, toccando quota 420,887 milioni di barili , facendo segnare dunque un +2,345 milioni di barili rispetto alla settimana precedente. Calano invece le scorte di carburante raffinato scivolate a 129,331 milioni di barili, in calo di 0,396 milioni di barili rispetto a sette giorni fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *