Borsa italiana oggi

Borsa Italiana oggi, 18 ottobre 2019, agenda economica e aggiornamenti

Borsa Italiana oggi 18 ottobre 2019, quotazioni, spread, news e agenda economica: fissato il tasso cedolare BTP Italia

Introduzione

Seguite con noi le notizie sulla Borsa Italiana oggi, venerdì 18 ottobre con notizie e analisi sull’andamento dei principali titoli

Su questa pagina potrete leggere le ultime notizie sulla Borsa Italiana oggi e le ultime indiscrezioni per la giornata di oggi, venerdì 18 ottobre 2019 e le ultim’ora. Vedi anche Quotazioni oro e petrolio aggiornate e analisi materie prime.

Atlantia -0,53%, Generali +0,11%, Enel -0,08%, Eni -0,10%, Exor -1,16%, Intesa -0,36% , Mediobanca +0,09%, Poste Italiane +0,42%, Telecom -0,92%, Unicredit +0,08%%. 

Ore 14:00 Tutto pronto per l’emissione del BTP Italia dopo che il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha fissato il tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito della quindicesima emissione del BTP Italia che partirà da lunedì 21 ottobre. La cedola annua è stata fissatao allo 0,60% con godimento 28 ottobre 2019 e scadenza 28 ottobre 2027. Con una nuova comunicazione, il Mef si riserva di aggiornare il titolo al rialzo o tanto quanto, all’apertura della terza giornata di emissione, prevista per mercoledì 23 ottobre.

Ore 9:10 Borse asiatiche in rosso, dopo i dati macro negativi sulla Cina. Alle ore 8:00 italiane Shangai perdeva l’1,23%, mentre Hong Kong è in rosso per lo 0,57%. L’unica borsa a chiudere in positivo è stata quella giapponese a + 0,18%. L’economia cinese continua a segnare il passo registrando un nuovo rallentamento ad un tasso di crescita annuo del 6% nel terzo trimestre. Sono i dati peggiori degli ultimi 30 anni a questa parte. Dati che sono anche condizionati dagli strascichi della guerra dei dazi con gli Usa che hanno indebolito il settore manifatturiero globale. Sulla scia delle borse asiatiche, apertura debole anche per le borse europee.

Brexit e guerra dei dazi: regna ancora l’incertezza

E’ stata la tortuosa vicenda delle trattative sulla Brexit a tenere banco nella seduta di ieri, condizionando umori e movimenti dei principali listini europei. Le borse hanno accolto con entusiasmo gli annunci di Junker e Johnson, ma le dichiarazioni di unionisti irlandesi e laburisti che hanno dichiarato che voteranno contro, hanno subito fatto scivolare in basso i principali listini. La sensazione è che il percorso ad ostacoli della Brexit proseguirà anche dopo il voto nel Parlamento britannico atteso per la giornata di sabato.

Nella giornata di ieri, Piazza Affari aveva sfiorato l’1% di guadagno, poi ha chiuso in perdita (-0,23%).  Seduta positiva quella di ieri per lo Spread Btp/Bund che non ha risentito degli  umori sulla Brexit ed è sceso a quota 130 punti base, con il rendimento decennale allo 0,91%. Ancora positivi i titoli bancari, con Banco Bpm che ha chiuso a +3,11. Notevoli anche le performance si Ubi Banca +2,71% e Unicredit +1,77%. Tra i titoli migliori anche Nexi +2,65% e Ferrari +2%. Le vendite al dettaglio a settembre (-0,3%) hanno invece condizionato in negativo Wall Street che ha aperto debolmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *