Cos’è un ETF o fondo negoziato in Borsa?

C’è molto clamore sui fondi negoziati in borsa (ETF) come nuovo modo migliore di investire. In realtà, non sono così diversi dai normali fondi comuni di investimento. Come i fondi comuni di investimento, mettono insieme i soldi degli investitori per acquistare un portafoglio diversificato di azioni o obbligazioni. L’unica differenza è che invece di acquistare un ETF direttamente da una società di fondi, ne acquisti una parte attraverso una società di intermediazione, proprio come faresti con un titolo.

La maggior parte degli ETF sono fondi indicizzati, il che significa che invece di avere gestori che scelgono appositamente quali investimenti tenere, imitano passivamente alcuni elenchi di investimenti. Ad esempio, lo SPDR S & P 500 della State Street segue il noto indice Blue Chip delle società americane. Vanguard Small-Cap segue l’indice delle piccole imprese, mentre iShares MSCI EAFE detiene una fetta importante di azioni estere.

Come gli indici dei fondi comuni di investimento, gli ETF hanno costi molto bassi; in effetti, le loro spese annuali sono di solito un po’ più basse di un fondo comune che segue lo stesso indice. Tuttavia, potresti perdere parte di quel vantaggio di prezzo sui costi di trading. Dato che devi acquistare gli ETF tramite un broker invece che direttamente dalla società del fondo, puoi pagare una commissione ogni volta che acquisti o vendi azioni ETF. Alla fine, la scelta tra un ETF e un fondo comune di investimento simile è per lo più una questione di convenienza.

Se non disponi già di un conto di intermediazione, acquistare un fondo comune di investimento è più semplice. Se usi un broker, un ETF ti offre un modo per comprare immediatamente un indice con un semplice clic del mouse.

C’è un’altra importante differenza tra gli ETF e i fondi comuni di investimento indicizzati: sono presenti molti ma molti più ETF, che seguono una varietà sempre più ampia di indici. È possibile acquistare ETF seguendo solo titoli bancari o titoli nel settore delle energie alternative. A differenza degli ETF su indici ampi e diversificati, i fondi iper-focalizzati non possono essere i vostri investimenti principali. Sono più simili al commercio di singoli titoli.

Esistono anche ETF che usano regole alternative per la costruzione di indici. Mentre gli indici tradizionali ponderano le scorte in base al loro valore di mercato, una miriade di nuovi ETF segue indici che sono tesi a favorire i fattori che il progettista dell’indice pensa offriranno agli investitori la possibilità di ottenere rendimenti più elevati. Ad esempio, ci sono ETF inclinati a titoli con dividendi elevati, e altri che detengono società con maggiori entrate. Sebbene siano tecnicamente fondi indicizzati, tali ETF sfociano nella linea tra gestione passiva e attiva. Se ne acquisti uno, puoi o meno fare bene, ma sicuramente non puoi fare affidamento sul rendimento medio del mercato.

Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi