La guida preliminare su come leggere i grafici forex

Per capire come seguire le tendenze sulle coppie di valute forex, oltre a materie prime e altri strumenti, la forma più affidabile sarebbe quella di seguire le classifiche.

I commercianti che usano le chat sono etichettati come commercianti tecnici, che preferiscono seguire l’accuratezza degli strumenti e degli indicatori del grafico per identificare le tendenze di picco e i punti di prezzo su quando entrare e uscire dai mercati. Mentre ci sono dei commercianti che preferiscono seguire le fonti di notizie che offrono informazioni reali su crescita economica, situazioni lavorative, minacce politiche e tassi di interesse.

Questo articolo ti guiderà nella lettura dei grafici dei prezzi e nella previsione della loro precisione. Per aiutarti a lanciare la tua carriera commerciale, ti delineeremo alcuni suggerimenti per aiutarti a comprendere e leggere i grafici.

In primo luogo, è necessario sapere che cos’è un grafico prima di tentare di analizzare le informazioni presentate. In sintesi, un grafico è una rappresentazione dei tassi di cambio che avvengono tra gli strumenti finanziari che sono tracciati e illustrati su di esso. La possibilità di leggere i grafici è parte integrante del trading, in quanto consente non solo di tenere traccia dei tuoi scambi correnti, ma aiuta a rilevare una linea di tendenza in via di sviluppo per le tue future operazioni.

Capire le tendenze

Quando si guarda un grafico e si trova un raggruppamento di dati tracciati, è possibile capire una direzione generale verso cui si muove uno strumento. Ci sono delle sostanziali differenze da grafico a grafico e nella maggior parte di essi la tendenza può essere determinata tranquillamente, mentre altri trend grafici possono essere più complessi.

Le tendenze generalmente si muovono in una serie di alti e bassi. Quando fai riferimento a una tendenza rialzista, stai osservando una serie di alti e bassi ascendenti mentre quando osservi una tendenza al ribasso è una sequenza di bassi e alti discendenti.

C’è un’altra tendenza conosciuta come tendenza laterale, piatta o orizzontale. Questo grafico viene rappresentato quando la domanda e l’offerta sono uguali, quindi c’è più di una linea retta che un andamento ad alti e bassi.

Le tendenze non sono solo classificate in base alla loro direzione, ma anche in base alla loro durata temporale. Vi sono tendenze a lungo termine, a breve termine e intermedie che coesistono e possono avere la stessa direzione oppure andare in direzioni opposte. Sono piuttosto auto-esplicativi in ​​quanto sono basati sul tempo e fanno parte della linea di tendenza che osservi quando leggi un grafico.

Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi