cash market

Ordine di mercato vs. ordine limite: quando usarli

Per acquistare o vendere un titolo o un fondo, ci sono due modi principali per determinare il prezzo a cui negoziare: l’ordine di mercato e l’ordine limite. Con gli ordini di mercato si scambiano le azioni per il prezzo corrente, con gli ordini limite è possibile nominare un prezzo e, se le azioni lo “colpiscono”, il commercio viene di solito eseguito.

Gli ordini di mercato fanno entrare o uscire velocemente

Il più grande vantaggio di un ordine di mercato è che il broker può eseguirlo rapidamente poiché il trader gli sta dicendo di farlo al miglior prezzo disponibile in quel momento. Per l’acquisto di un titolo, un ordine di mercato verrà eseguito a qualunque prezzo chiesto dal venditore. In caso di vendita, un ordine di mercato verrà eseguito in base a ciò che l’acquirente sta offrendo.

Invece, il più grande svantaggio è che non è possibile specificare il prezzo del commercio, anche se molte volte questo ha poca importanza. Per le grandi aziende che sono altamente liquide (commercio di volumi elevati), la differenza tra il prezzo di offerta degli acquirenti e il prezzo di domanda dei venditori – chiamato spread bid-ask – è di solito di un centesimo o due.

Tuttavia, se il prezzo si muove rapidamente, il trading potrebbe essere effettuato ad un prezzo molto diverso rispetto a quando è stato inserito l’ordine. Una possibilità rara, ma che si può verificare.

Un altro potenziale svantaggio è con titoli illiquidi, ossia quelli che negoziano a basso volume. Quando si inserisce un ordine di mercato, è possibile aumentare o diminuire il prezzo delle azioni perché non ci sono abbastanza acquirenti o venditori in quel momento per coprire l’ordine. Alla fine, il prezzo potrebbe essere molto diverso rispetto a quello di pochi istanti prima in quanto l’ordine influenza il mercato.

Gli ordini limite offrono il prezzo desiderato

Il più grande vantaggio dell’ordine limite è di offrire ai trader la possibilità di nominare il proprio prezzo; se lo stock raggiunge quel prezzo, probabilmente l’ordine verrà riempito. A volte il broker riempie l’ordine di un trader ordine ad un prezzo migliore. In genere, si possono impostare ordini limite per l’esecuzione fino a tre mesi dopo averli inseriti, il che significa che non bisogna guardare compulsivamente per ottenere il prezzo desiderato.

Su alcuni titoli (illiquidi), lo spread bid-ask può facilmente coprire i costi di negoziazione. Ad esempio, se lo spread è di 10 centesimi e si stanno acquistando 100 azioni, un ordine limite al prezzo di offerta più basso farebbe risparmiare 10 euro, abbastanza da coprire le commissioni.

Il più grande svantaggio è che non viene garantito lo scambio delle azioni. Se le azioni non raggiungono mai il prezzo limite, l’operazione non verrà eseguita. Anche se raggiungono il limite di prezzo imposto, potrebbe non esserci abbastanza domanda o offerta per riempire l’ordine. È più probabile che si tratti di azioni piccole e illiquide.

Un altro svantaggio con un ordine che può essere eseguito fino a tre mesi in futuro è che le azioni possono muoversi in modo drammatico. Alla fine, il commercio potrebbe essere riempito ad un prezzo molto diverso da quello che si sarebbe potuto ottenere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi