trading petrolio

Comprendere il mercato del petrolio greggio

Il petrolio greggio è una fonte energetica per la maggior parte degli abitanti del pianeta terra. Oltre ad essere uno dei prodotti più attivamente scambiati, il suo prezzo è estremamente sensibile agli eventi geopolitici.

I due gradi più popolari di greggio

Quando si tratta di petrolio fisico, ci sono diversi gradi. I gradi di scambio più popolari sono il Brent North Sea Crude (comunemente noto come Brent Crude) e il West Texas Intermediate (comunemente noto come WTI). Il Brent si riferisce al petrolio prodotto nei giacimenti petroliferi del Brent e in altri siti nel Mare del Nord.

Il suo prezzo è il punto di riferimento per il greggio africano, europeo e mediorientale. Il meccanismo di determinazione dei prezzi per il Brent determina il valore di circa due terzi della produzione mondiale di greggio. Il brent viene definito “dolce” dal settore. Ciò significa che ha un contenuto di zolfo inferiore al 5%. Il tenore dello zolfo nel Brent è dello 0,37%. Più basso è il contenuto di zolfo, più facile ed economico è quello di raffinare in vari prodotti come la benzina.

Gli utilizzi del Brent e del WTI e mercati di negoziazione

Il WTI, l’altro principale petrolio scambiato, è il greggio di riferimento per il Nord America. Il WTI è in realtà più dolce del Brent e ha un contenuto di zolfo di circa lo 0,24%. Il WTI è di un grado migliore per la produzione di benzina, mentre il petrolio Brent è principalmente utilizzato per la produzione del diesel.

La divisione NYMEX (New York Mercantile Exchange) del CME (Chicago Mercantile Exchange) elenca i contratti futures del petrolio greggio WTI. La consegna dei future sul greggio WTI avviene a Cushing, in Oklahoma. I futures sul Brent vengono scambiati nell’Intercontinental Exchange (ICE). I paesi asiatici tendono a utilizzare una combinazione di prezzi di riferimento Brent e WTI per valutare il loro petrolio greggio.

Come gli eventi mondiali influenzano i prezzi del petrolio greggio

Per capire come gli eventi mondiali possono causare uno spread enorme tra Brent e WTI per lunghi periodi, è meglio tornare indietro nel tempo. All’inizio del 2011, lo spread Brent-WTI era vicino allo zero. Lo spread si è poi ampliato nel corso del 2011 con il trading a premio sul Brent per il WTI. Nel febbraio 2011, con l’inizio della primavera araba in Egitto, lo spread iniziò ad allargarsi.

I timori per una chiusura del Canale di Suez e la mancanza di disponibilità hanno fatto sì che il petrolio greggio Brent divenne più costoso del WTI. Mentre le tensioni si attenuavano, aumentava anche la diffusione. Poi alla fine del 2011, il governo iraniano ha minacciato di chiudere lo stretto di Hormuz attraverso il quale il 20% del petrolio mondiale scorre ogni giorno. Ancora una volta, lo spread si è ampliato questa volta con il Brent scambiato a oltre 25 dollari al barile per il WTI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi