blue chip stocks

Cos’è e come funziona la formula Alfa di Jensen

Maggiore è il rischio associato a una risorsa, maggiore è il valore del rendimento atteso, il quale dovrebbe essere la ricompensa per gli investitori che osano investire in attività molto rischiose. Ciò viene stabilito con un calcolo del rischio insito nell’investimento di un bene o di un portafoglio. L’Alpha di Jensen, noto anche come “Alpha”, “Jensen’s Measure” e “Jensen’s Performance Index” è uno dei molti modi con cui un trader può calcolare il valore corretto del rischio in un investimento. Utilizzando l’Alfa di Jensen, il rendimento corretto del rischio viene calcolato in relazione al rendimento atteso sul mercato.

Chi ha creato la formula Alfa di Jensen?

Questa formula è stata usata per la prima volta da Michael Jensen nel 1986, noto economista specializzato in economia finanziaria. Inizialmente, la utilizzò per monitorare le prestazioni di un gestore di hedge fund. Lo scopo di questa formula era valutare se questi gestori possono sovraperformare i mercati su base coerente. Dopo uno studio completo, i risultati raggiunti da Jensen confermarono che gli eventi messi in atto dai gestori di hedge fund e che sovraperformano i mercati erano piuttosto rari.

La formula Alfa di Jensen

Viene calcolata usando una semplice formula:

  • Alpha di Jensen = Rendimento del portafoglio atteso – [Tasso di rischio libero + Beta del portafoglio * (Rendimento di mercato previsto – Tasso di rischio libero)]

La formula è anche rappresentata come:

  • ? p = Rp – [Rf +? p * (Rm – Rf)]

Dove,

  • ? p = Alfa di Jensen
  • Rp = Rendimento del portafoglio atteso
  • Rf = Tasso di rischio libero
  • ? p = Beta del portafoglio
  • Rm = Ritorno di mercato atteso
  • Rf = Tasso di rischio libero

Come funziona questa formula?

Questa formula viene utilizzata per calcolare la differenza tra il rendimento anormale di un asset e il suo rendimento atteso, calcolato in via teorica. La formula può essere applicata a qualsiasi tipo di attività, compresi titoli, obbligazioni, azioni e derivati. Il rendimento teorico atteso in questo caso è principalmente calcolato utilizzando il modello di capital asset pricing (CAPM), un modello finanziario che calcola il rendimento atteso di un titolo basato sul rendimento medio di mercato, sul tasso di interesse privo di rischio e su un moltiplicatore beta.

Il moltiplicatore beta è una rappresentazione della volatilità di un bene rispetto ai fattori complessivi del mercato. L’Alpha, d’altra parte, rappresenta il rendimento in eccesso di un asset, generato sul rendimento calcolato utilizzando il CAPM.

Perché l’Alfa di Jensen è importante per gli investitori?

Per ogni investitore, è importante capire i rischi che assumono quando investono in un particolare asset. Per questo, hanno bisogno di una misura adeguatamente calcolata del rendimento totale di un investimento rispetto al rischio che comporta. L’obiettivo degli investitori è quello di investire in titoli che offrono rendimenti massimi con rischi minimi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi