La pericolosità dello schema Ponzi

Uno schema Ponzi è un accordo finanziario in cui l’operatore, senza una legittima attività sottostante, effettua pagamenti a vecchi investitori tramite fondi raccolti da nuovi investitori. I piani dello schema Ponzi possono durare per anni, ma alla fine tutti crollano, di solito quando l’operatore non è in grado di reclutare abbastanza nuovi investitori per finanziare le richieste di prelievo di quelli esistenti.

Il crollo di uno schema di Ponzi porta quasi inevitabilmente ad una bancarotta, un’amministrazione controllata, o qualche altro procedimento formale di scioglimento e liquidazione. In questi procedimenti, un curatore riceve l’incarico di massimizzare i fondi per pagare i creditori e gli investitori truffati.

Tra i metodi che i fiduciari o i curatori hanno utilizzato per recuperare i beni sono i crediti che hanno nei confronti degli investitori colpiti dallo schema Ponzi. Questo controverso metodo di recupero viene spesso definito un’azione di clawback. I clawback sono stati usati in recenti procedimenti di alto profilo nei confronti Madoff, Stanford, Bayou e Goldberg.

Anche se sembra ingiusto rivendicare pretese nei confronti di qualsiasi investitore defraudato, la teoria alla base delle azioni di clawback è che il denaro ricevuto da questi investitori proviene da quelli truffati e quindi tutti dovrebbero essere messi sullo stesso piano. La base giuridica dichiarata per tali richieste si fonda sia nella legge fallimentare che in quelle sul trasferimento fraudolento.

L’uso e l’ampiezza dei clawback sono solitamente molto contestati. Un recente esempio di come un trustee abbia usato le rivendicazioni di clawback nei confronti degli investitori che hanno ricevuto denaro da uno schema di Ponzi è il caso di Michael Goldberg avvenuto nel Connecticut.

Lo schema di Goldberg ha ottenuto oltre 350 investitori che hanno investito più di 100 milioni di dollari. Dopo che lo schema è crollato, Goldberg ha presentato istanza di fallimento e successivamente è stato condannato a una pena detentiva di 10 anni. La perdita totale per gli investitori è stata stimata intorno ai 30 milioni di dollari.

Il curatore fallimentare del caso Goldberg ha presentato più azioni di clawback contro gli investitori che avevano ricevuto denaro dallo schema di Ponzi. Il trustee ha cercato di recuperare non solo i profitti realizzati dagli investimenti, ma anche il capitale restituito da tali investitori. Gli investitori hanno contestato all’autorità del trustee di recuperare somme che hanno investito in qualità di mandanti, appellandosi ai sensi della legge fallimentare federale. Il giudice fallimentare si è pronunciato a favore degli sforzi del trustee per recuperare sia i profitti che il capitale investito nello schema.

Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi