dogecoin

Dogecoin, i mercati accolgono freddamente l'ultimo spot di Elon Musk (foto: Pixabay)

Dogecoin, i mercati accolgono freddamente l’ultimo “spot” di Musk

Dogecoin (DOGE) potrebbe necessitare di nuove strategie di marketing dopo che il recente intervento Elon Musk ha spostato il suo prezzo di una percentuale inferiore all’8%. In passato le “uscite” di Elon Musk erano  in grado di far impennare (o crollare) il valore di Dogecoin e di altre criptovalute, oggi l’impatto appare molto più ridotto. In un tweet di giovedì, il padre di Doge, ha affermato che Dogecoin potrebbe essere molto più performante nei pagamenti rispetto a Bitcoin (BTC) o Ether (ETH).

Quando ha proferito questi concetti il CEO di Tesla e SpaceX stava rispondendo allo YouTuber di criptovalute Matt Wallace, che aveva manifestato il proprio entusiasmo per un imminente aggiornamento del protocollo. “BTC ed ETH stanno perseguendo un sistema di transazione multilivello, ma il tasso di transazione del livello base è lento e i costi di transazione sono elevati” ha dichiarato il Ceo di Tesla. La proposta prevede che Dogecoin abbia transazioni on-chain come norma, con scambi che svolgono essenzialmente il ruolo che Lightning Network svolge su Bitcoin.

Gli scambi attualmente elaborano un gran numero di transazioni internamente senza toccare le blockchain delle rispettive monete. Questi vengono quindi sincronizzati secondo necessità, determinando un minor numero di transazioni on-chain e, quindi, meno commissioni e meno sforzo sulla blockchain pertinente.

Rispondendo, gli utenti di Twitter hanno contestato il concetto che gli scambi sarebbero felici di svolgere tale ruolo. L’impiego di terze parti fidate centralizzate come spina dorsale di una rete di pagamento, secondo alcuni analisti, sarebbe di gran lunga inferiore alla soluzione Lightning Network.

Le performance deludenti di Doge

Al momento il prezzo di DOGE viaggia con una performance del 70% sotto il picco raggiunto diversi mesi fa. L’uscita di Musk che ha concentrato l’attenzione degli investitori su Dogecoin, ha fruttato un incremento di prezzo del  7,6% a poco meno di $ 0,23. Un tentativo, quello di Musk, che sostanzialmente ha fallito. La sua criptovaluta raggiunse i suoi massimi storici l’8 maggio, quando Musk partecipò al Saturday Night Live per far conoscere Dogecoin a un pubblico più ampio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *