Prezzi petrolio

Prezzi petrolio e scorte: gli ultimi aggiornamenti

Prezzi petrolio e scorte, i possibili scenari legati ad un accordo con la Brexit

Prezzi petrolio, tendenze rialziste e ribassiste: ecco i possibili scenari alla luce delle recenti tensioni geopolitiche e dell’accordo sulla Brexit

Fattori rialzisti e ribassisti hanno spinto i prezzi petrolio in direzioni opposte negli ultimi mesi. Il prezzo si era abbassato dopo l’acuirsi delle tensioni tra Stati Uniti e Cina anche perchè l’ondata di politiche protezionistiche continua a minacciare una recessione globale. La domanda di greggio si è ridotta col decrescere dell’economia globale e pare che questo trend non possa essere sovvertito in tempi brevi. L’attacco di droni del 14 settembre ha eliminato il 50% della produzione petrolifera saudita e il 6% delle forniture mondiali. L’attacco è la chiara espressione delle tensioni geopolitiche della regione che ospita il 50% delle riserve mondiali di greggio.

La scorsa settimana, il crollo del mercato azionario ha fatto scendere ancora il prezzo del petrolio all’estremità inferiore del suo prezzo di supporto a poco più di $ 50 al barile. Gli ultimi dati sugli inventari di petrolio greggio negli Stati Uniti hanno fornito una visione contrastante dello stato della domanda e dell’offerta per le materie prime energetiche. Il rapporto dell’API è stato rialzista Martedì 1 ottobre, l’American Petroleum Institute ha dichiarato al mercato petrolifero che le scorte di materie prime energetiche sono diminuite di 5,92 milioni di barili per la settimana che si è conclusa il 27 settembre mentre le stime della vigilia prevedevano un aumento di 1,567 milioni di barili. L’API ha affermato che le scorte di benzina sono aumentate di 2,133 milioni di barili e che le scorte di distillati sono diminuite di 1,741 milioni di barili.

Mentre l’aumento della benzina è superiore alla stima del mercato di 449.000 barili, il rapporto API ha sostenuto il prezzo del greggio.Il giorno successivo, il rapporto della Energy Information Administration ha portato ad un nuovo abbassamento del prezzo del petrolio. Il 2 ottobre, la VIA ha dichiarato che le scorte di greggio sono aumentate di 3,1 milioni di barili per la settimana conclusasi il 27 settembre. L’oscillazione di quasi nove milioni di barili tra i rapporti API e VIA è stata molto più di un errore di arrotondamento. Anche i dati sulla benzina sono divergenti poiché la VIA ha dichiarato che le scorte sono diminuite di 200.000 barili.

Per quanto riguarda i prodotti distillati, la VIA ha registrato un calo più sostanziale di 2,4 milioni di barili. In questo contesto assai convulso, regna la totale incertezza anche perchè non si sa ancora come si evolverà la crisi tra USA e Cina che sembra segnare un nuovo clima di incertezza dopo i negoziati incoraggianti dello scorso venerdì. Da poche ore i prezzi del petrolio sono in leggero rialzo anche perchè si spera in un potenziale accordo sulla Brexit tra la Gran Bretagna e l’Unione Europea e sui segnali dell’OPEC e dei suoi alleati che potrebbero volgere verso un’ulteriore riduzione dell’offerta.

Prezzi petrolio, l’accordo sulla Brexit favorirà una rapida crescita

Gli analisti hanno affermato che qualsiasi accordo che eviti una Brexit “dura” o no-deal dovrebbe favorire la crescita economica e, a sua volta, la crescita del petrolio e i prezzi. Il segretario generale dell’OPEC Mohammad Barkindo ha affermato che l’organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e i produttori alleati “faranno qualsiasi cosa “per sostenere la stabilità del mercato petrolifero oltre il 2020. L’OPEC, la Russia e altri produttori hanno ridotto la produzione di petrolio di 1,2 milioni di barili al giorno per sostenere il mercato. Tuttavia, un previsto aumento degli inventari del greggio degli Stati Uniti questa settimana ha tenuto sotto pressione i prezzi Petrolio. E’ probabile che le scorte di petrolio greggio statunitense siano cresciuti per la quinta settimana consecutiva, anche se questa settimana usciranno con un giorno di ritardo dopo le festività per il Columbus Day.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *