Cosa sono i Contratti per Differenza (CFD)

Cosa sono i CFD?

CFD deriva dall’acronimo inglese Contracts for Difference, ossia Contratti per Differenza.

I CFD sono contratti semplici e poco costosi che consentono la negoziazione su un’ampia gamma di strumenti finanziari, scambiando sulla differenza del valore di uno specifico titolo o di un titolo sottostante che matura dalla data in cui il contratto è stipulato alla data in cui termina.

CFD azionari

I CFD sulle azioni sono un modo semplice e conveniente per investire nel mercato azionario, dove vengono scambiati titoli azionari (azioni). Essi riflettono i prezzi ufficiali di mercato e consentono all’investitore di speculare su di essi utilizzando la leva finanziaria e senza la necessità di titolarità del titolo sottostante.

Consentono a un trader con una posizione LONG di ricevere qualsiasi dividendo guadagnato dal titolo azionario a cui è collegato il CFD. Inoltre, assicurano il diritto di aderire a qualsiasi Offerta Takeover, nonché di partecipare ad un aumento di capitale.

Quali sono i vantaggi del trading con i CFD?

I CFD consentono l’operatività bidirezionale del mercato, ovvero consentono posizioni lunghe e corte, ottenendo profitti anche durante i mercati al ribasso.

Attraverso il margine e la leva finanziaria, una parte minore del valore del titolo sottostante su cui si sta operando è sufficiente, consentendo così a un maggior capitale di essere scambiato, estendendo i risultati (sia positivi che negativi).

Fare trading usando CFD significa negoziare contratti sulle differenze di prezzo: gli utili sono guadagnati o le perdite generate in base alla differenza tra il prezzo di acquisto e il prezzo di vendita del titolo sottostante, moltiplicato per il numero dei CFD sulle azioni.

Margine e leva

I CFD azionari sono prodotti con leva, il che significa che il commerciante è tenuto a pagare solo una frazione del valore complessivo della transazione.

Ad esempio, se il margine richiesto sul CFD delle azioni Eni è del 5%, è possibile fare trading con una leva di 1:20, acquistando azioni Eni per un valore di 20.000 Euro con un margine di appena 1.000 Euro.

I CFD sono derivati ​​che possono essere estremamente rischiosi perché sono strumenti di leva. Sono quindi disponibili solo per i clienti esperti che dispongono di risorse sufficienti per poter negoziare questo tipo di strumento finanziario.

Differenze di CFD e Forex

Le principali differenze tra il trading su CFD e il trading Forex sono che il trading di CFD coinvolge diversi tipi di contratti che coprono un insieme diversificato di mercati, come indici, energia e metalli, mentre il Forex offre puro trading di valuta. Quando si scambiano i CFD, si ha la possibilità di selezionare contratti diversi che variano in valore incrementale e tipo di valuta, a seconda del paese in cui l’attività sottostante ha origine. Il trading sul Forex consiste nel negoziare una valuta contro un’altra valuta e implica sempre il trading in lotti di dimensioni uniformi.

Una differenza sostanziale tra trading di CFD e trading Forex è riferita ai fattori generali che tendono ad influenzare i diversi mercati. Il trading di CFD è per lo più influenzato da fattori specifici, come l’offerta e la domanda di una determinata merce o i cambiamenti di tendenza associati ai settori di attività. Il trading sul Forex è guidato principalmente da eventi globali, come grandi spostamenti occupazionali o cambiamenti politici internazionali.

Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi