swing trading

Qual è il costo di trasporto nel prezzo di un contratto futures?

In normali condizioni di mercato, il prezzo dei futures è superiore al prezzo spot (o in contanti). Ciò perché il prezzo dei futures generalmente comprende i costi che il venditore dovrebbe sostenere per acquistare e finanziare la merce o l’attività, conservandola fino alla data di consegna e per l’assicurazione. Questi costi sono generalmente indicati come costi di trasporto. La logica alla base della determinazione del prezzo di un contratto futures può essere vista dalla seguente equazione: Prezzo futures, T = (1 + r + s) T − t × Prezzo spot.

Nell’equazione, r si riferisce al tasso di interesse tra ora, t e la data di consegna T, invece s si riferisce al costo di archiviazione.

Questa situazione in cui il prezzo dei futures è superiore al prezzo spot è nota come contango. In alcune condizioni, tuttavia, potrebbe verificarsi la situazione opposta e il prezzo dei futures potrebbe essere inferiore al prezzo spot. Ciò potrebbe essere dovuto a una temporanea scarsità della merce sul mercato spot, ad esempio a causa di una limitata offerta di commodity (prodotto primario o materia prima), che rende il prezzo della merce insolitamente alto. Questa situazione è nota come backwardation. Se il mercato è in backwardation, il valore equo di un contratto futures è più difficile da calcolare.

Vale la pena notare che il costo di trasporto varia a seconda delle attività sottostanti. Ad esempio, se si acquista un contratto a termine in cui le attività sottostanti sono azioni di un’azienda, i costi di archiviazione per queste azioni non sono realmente un problema, in quanto al massimo sono dei documenti. In questo caso, il costo del trasporto sarà l’interesse pagato per finanziare l’attività. In caso di pagamento di un dividendo dalle azioni, avviene una riduzione del costo di trasporto per un’attività sottostante.

Prendendo un altro esempio, in cui l’attività sottostante è la benzina, allora si può immaginare che ci sarà un grande costo di trasporto a causa della necessità di trovare uno stoccaggio adeguato per il carburante, ma anche la necessità di stipulare una polizza assicurativa per potenziali danni causati dalla benzina in caso di incidente o incendio.

Tuttavia, la proprietà della benzina offre potenziali vantaggi (se è detenuta in inventario, può essere utilizzata), che non sono disponibili per la detenzione del contratto futures. Questo vantaggio derivante dalla detenzione dell’attività fisica è noto come rendimento di convenienza e riduce il prezzo dei futures.

Ma cosa succede se l’attività sottostante del contratto futures fosse una merce come l’oro? In che modo ciò influirebbe sul costo del trasporto? Ne discuteremo in un altro articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *