derivati finanziari

Cos’è la teoria del Random Walk?

La teoria del “Random Walk” è la convinzione nella finanza che l’attuale prezzo di mercato di un titolo sia un prodotto del caso piuttosto che la somma degli eventi passati o il risultato di modelli nel comportamento umano.

Fin dalla sua istituzione, questa teoria è stata un argomento molto dibattuto tra accademici, investitori e analisti finanziari. I fautori sostengono l’idea che i mercati funzionino in modo efficiente e credono che l’idea di un titolo avente un “valore intrinseco” sia falsa. Inoltre, vedono casuali i singoli movimenti di prezzo di un titolo scambiato attivamente, considerando ogni tentativo di prevedere future fluttuazioni dei prezzi un esercizio di futilità.

Al contrario, gli oppositori affermano che è effettivamente possibile ottenere informazioni sul prezzo futuro di un titolo. Attraverso lo studio dei dati sui prezzi passati e le informazioni di mercato attuali, gli investitori mirano a identificare e capitalizzare il valore di un titolo specifico all’interno del mercato. Discipline come l’analisi fondamentale tradizionale, così come l’analisi tecnica, sono spesso citate dai detrattori del Random Walk come metodi pertinenti per prevedere il prezzo futuro di un titolo.

Origine della teoria

Le origini della teoria finanziaria del Random Walk possono essere fatte risalire al 1900 e al documento del matematico francese Louis Bachelier “The Theory of Speculation”. Contrariamente alle opinioni accademiche accettate dell’epoca, Bachelier sostenne che i prezzi delle azioni sono indipendenti l’un l’altro, e che i dati sui prezzi passati non hanno alcuna rilevanza sul prezzo futuro di un titolo.

Secondo Bachelier, i prezzi delle azioni rappresentano i “passi di un ubriacone”, con il prossimo incredibilmente imprevedibile rispetto al precedente. Inoltre, affermò che un consistente guadagno finanziario dalla selezione dei titoli era una proposta di aspettativa negativa, con il risultato finale “zero meno i costi”.

Raggiungere il consenso: studi sul Random Walk

Nel corso degli anni, la teoria della camminata casuale ha subito un attento esame. Numerosi studi scientifici e prove informali sono stati condotti nel tentativo di illustrarne il significato.

Confronti tra le prestazioni del mondo reale dei professionisti del mercato e gli esperimenti che coinvolgono di tutto, dai lanciatori di freccette ai primati di selezione titoli, sono stati utilizzati per quantificare la natura casuale dei mercati. I risultati di questi studi sembrano favorire i sostenitori del Random Walk, mentre i detrattori mettono in dubbio sia la validità degli studi che i loro risultati.

Tuttavia, ci sono prove sufficienti che vanno contro questa teoria a favore di un continuo dibattito. I prodotti finanziari negoziati su mercati emergenti, mercati a termine o in valuta estera hanno dimostrato di deviare dalla casualità e offrono ad un investitore l’opportunità di sovraperformare il mercato. Un’area di ricerca che è diventata popolare negli ultimi anni riguarda il comportamento dei prezzi delle quotazioni su mercati azionari emergenti più piccoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *