piattaforme di trading

Cos’è lo swap?

I derivati ​​sono stati citati come una delle principali cause della crisi finanziaria del 2008 e sono stati descritti come “armi di distruzione di massa” e “bombe a orologeria” da alcuni investitori famosi. Quindi è comprensibile pensare ai derivati ​​come al virus Ebola degli strumenti finanziari, da non toccare senza dispositivi di protezione dalla testa ai piedi.

In realtà, i derivati ​​sono semplicemente strumenti utilizzati ogni giorno da migliaia di aziende, banche e investitori per raggiungere vari obiettivi. Se usati con saggezza, sono estremamente utili e, a volte, non è possibile svolgere il lavoro senza di loro. Ma possono anche essere abbastanza pericolosi, finanziariamente parlando.

In un certo senso, usare i derivati ​​è come accendere un fuoco: necessario se vuoi una bistecca ben grigliata, ma senza i giusti controlli puoi bruciare la casa.

Cosa sono gli swap?

Come suggerisce il nome, uno swap è un accordo tra due parti per scambiare qualcosa, in questo caso denaro. I pagamenti vengono scambiati periodicamente (spesso trimestralmente) per un certo numero di anni.

Il tipo più comune è uno swap su tassi di interesse, in cui le due parti si scambiano pagamenti di interessi. Spesso, una parte effettua pagamenti in base a un tasso di interesse variabile, il quale si sposta verso l’alto o verso il basso ogni periodo. Ciò è simile al meccanismo del tasso di interesse su un’ipoteca a tasso variabile. L’altra parte effettua pagamenti a un tasso di interesse fisso.

Ci sono molte ragioni per cui ciò può essere utile per entrambe le parti. Ad esempio, un’azienda può bloccare i suoi costi di interesse anche se il suo prestito bancario ne ha uno variabile. Gli swap su tassi di interesse possono diventare più complicati, ma è il tipo più comune.

Con gli swap in valuta, i pagamenti vengono scambiati in due diverse valute. In genere, vengono utilizzati da società che effettuano o ricevono pagamenti in una valuta estera e desiderano bloccare in anticipo un tasso di cambio.

Esistono altri modi per gestire il rischio di cambio. Uno scambio di valuta è solo un approccio. I singoli investitori che desiderano negoziare valute non utilizzano mai gli swap su valute.

Il pericolo del “credit default swap”

I credit default swap (CDS) sono quelli accusati di aver contribuito alla crisi finanziaria. Con i CDS, una parte effettua pagamenti periodici a titolo di protezione nel caso in cui una società o un governo vadano in default sul proprio debito o che un pool di prestiti superi un determinato livello di insolvenze. È come pagare i premi per l’assicurazione auto. Se l’auto si danneggia, il proprietario riceve un rimborso dalla compagnia assicurativa. Nell’ambito dei CDS, la compagnia assicurativa si chiama “venditore di protezione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *