obbligazione

Che cos’è la convessità delle obbligazioni

La convessità delle obbligazioni è strettamente associata alla durata, ma fa avanzare ulteriormente il concetto. Mentre la funzione della durata è quella di stimare le modalità con cui il prezzo di un’obbligazione reagisce alle variazioni dei tassi di interesse di mercato, la convessità misura come la durata dell’obbligazione e, di conseguenza, il suo prezzo, cambierà in base alla variazione dei tassi di interesse.

Nel loro insieme, sia la durata che la convessità mettono in evidenza in che modo un’obbligazione o un portafoglio obbligazionario si comportano quando i tassi di interesse cambiano. Ciò aiuta gli investitori a comprendere il rischio derivante dal possesso di titoli a reddito fisso in diversi scenari di tassi di interesse. In generale, maggiore è il tasso cedolare di un’obbligazione, minore è la sua convessità o il rischio di mercato.

Convessità positiva e negativa

La convessità può essere sia positiva che negativa. In generale, la maggior parte dei legami “plain vanilla” ha una convessità positiva. Quando i tassi di interesse diminuiscono, il prezzo dell’obbligazione aumenta a un tasso crescente, ma quando i tassi aumentano, il prezzo diminuisce a un tasso decrescente.

In altre parole, un’obbligazione con convessità positiva guadagnerà di più nel prezzo quando i rendimenti diminuiscono più di quanto perderà quando i rendimenti aumentano. In pratica, colui che detiene le obbligazioni guadagna di più quando i rendimenti diminuiscono rispetto alle perdite quando i rendimenti aumentano.

Tuttavia, ci sono alcuni legami che mostrano convessità negativa. In un contesto di tassi di interesse in aumento, il loro prezzo non aumenta tanto rapidamente quanto le obbligazioni con convessità positiva, oppure il loro prezzo potrebbe effettivamente scendere.

Ciò si verifica spesso con le “obbligazioni callable”, in cui è più probabile che colui che le ha emesse richiami o riacquisti le obbligazioni con tassi cedolari più elevati. Ciò si verifica anche con i titoli garantiti da ipoteca, che hanno maggiori probabilità di essere pagati anticipatamente perché ci si può aspettare che i mutuatari rifinanzino i loro prestiti a tassi inferiori. In entrambi i casi, l’investitore recupererà i suoi soldi più velocemente del previsto, rendendoli meno preziosi.

Allo stesso modo, se i tassi dovessero aumentare, le obbligazioni con convessità negativa avrebbero maggiori probabilità di aumentare di prezzo (o perdere meno) rispetto alle obbligazioni con convessità positiva, poiché c’è meno rischio che vengano richiamate o pagate in anticipo.

Conclusione

La convessità misura quanto la durata di un’obbligazione aumenterà o diminuirà a seconda di una variazione dei tassi di interesse. Le obbligazioni con convessità positiva aumenteranno di più nel prezzo in caso di calo dei rendimenti rispetto a quelle che perderanno quando aumenteranno. Le obbligazioni con convessità negativa aumenteranno di prezzo all’aumentare del rendimento, poiché si prevede che pagheranno prima del previsto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *