piattaforme di trading

In che modo i tassi di cambio influiscono sul mercato azionario?

Il tasso di cambio è il valore dell’euro rispetto ad altre valute. Il valore è sia causa che riflesso dei tassi di interesse, ed i tassi di interesse hanno molto a che fare con i prezzi delle azioni. Pertanto, i tassi di cambio influenzano i prezzi delle azioni e possono essere utilizzati per fare previsioni sul mercato.

Tassi di cambio

Un euro debole significa che i beni europei sono meno costosi all’estero. Significa anche che i prodotti stranieri sono più costosi. Ciò suggerisce che i consumatori acquisteranno prodotti europei. Significa anche che, poiché il denaro è economico, l’economia si espanderà, in quanto più imprese creeranno capitale sociale, espanderanno la loro produzione e continueranno a prendere in prestito denaro. A breve termine, il denaro a basso costo suggerisce che il mercato azionario mostrerà aumenti di prezzo su tutta la linea.

Tassi di interesse

L’euro è strettamente legato ai tassi di interesse. Un basso tasso stimolerà il prestito, mentre un alto tasso lo rallenterà. A parità di condizioni, il denaro a buon mercato fa bene all’economia e si manifesta con prezzi azionari più elevati. Tuttavia, ciò funziona solo a breve termine, poiché le azioni sono sempre orientate al futuro. Se i tassi oggi sono bassi, gli investitori ritengono che presto aumenteranno. Pertanto, l’aumento dei corsi azionari derivante da un euro più economico porta solo a rialzi dei prezzi a breve termine.

Azioni e obbligazioni

Quando i tassi di interesse sono alti, l’euro è costoso. Di conseguenza, il denaro si sposta sul mercato obbligazionario, dove il tasso di interesse atteso è il margine di profitto. Quando i tassi scendono, il denaro si sposta dalle obbligazioni verso le azioni, spingendo i prezzi verso l’alto.

Azioni e valuta

I tassi di interesse possono influenzare i prezzi delle azioni ma anche il contrario. Secondo un rapporto dell’economista russo Desislava Dimitrova, risalente al 2005, i prezzi delle azioni possono influenzare il valore dell’euro.

Se i prezzi delle azioni cominciano a scendere, gli investitori stranieri probabilmente liquideranno parte delle loro partecipazioni azionarie, il che spinge verso il basso il valore della moneta. Sostiene anche che quando i prezzi delle azioni salgono, si crea una tendenza a breve termine verso un euro più economico, perché ciò riflette una politica monetaria espansiva. Pertanto, almeno per il breve termine, sia gli aumenti che i cali dei prezzi delle azioni portano al deprezzamento dell’euro e, quindi, alla sua riduzione di valore.

Questo potrebbe sembrare strano, ma in realtà ha senso. L’ammortamento può svilupparsi per due cause: la prima è una cattiva causa, e cioè la liquidazione delle partecipazioni estere in azioni, la seconda è una buona causa, e questa è l’espansione economica, che porta a denaro più economico. In entrambi i casi, il valore dell’euro cade a breve termine, ma per due ragioni molto diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *