Che cos’è un’analisi di pareggio?

L’analisi di pareggio consente di determinare ciò che è necessario vendere, mensilmente o annualmente, per coprire i costi degli affari, ossia di pareggio.

Comprensione dell’analisi di pareggio

L’analisi di pareggio non è quella preferita in quanto:

Viene spesso scambiata per il periodo di ammortamento, ossia il tempo necessario per recuperare un investimento. Ci sono delle variazioni anche nel caso in cui alcune persone pensano di aver sbagliato. Quello utilizzato è il più comune, il più universalmente accettato, ma non il solo possibile.

Dipende dal concetto di costi fissi, una dura idea da mangiare giù. Tecnicamente, un’analisi di pareggio definisce i costi fissi come quelli che continuerebbero anche se venisse a mancare. Invece, si potrebbero utilizzare i costi fissi correnti, inclusi i salari e le spese normali. Questo darà una visione migliore delle realtà finanziarie.

Dipende dalla media del costo variabile per unità e delle entrate unitarie per l’intera azienda.

Negli ultimi anni, l’analisi di pareggio ha perso il favore degli analisti finanziari. Può essere utile se fatta bene, ma non per tutte le aziende e non per tutte le situazioni. E, per aggiungere confusione, il termine “analisi di pareggio” è spesso usato per riferirsi al “periodo di recupero”. Ci sono diversi modi per fare l’analisi, ma ciò menzionato di seguito è il più comune.

Tre presupposti dell’analisi di pareggio

L’analisi di pareggio dipende da tre ipotesi chiave:

Prezzo medio unitario di vendita (entrate unitarie): Questo è il prezzo che si riceve per unità di vendita. Vengono prese in considerazione sconti sulle vendite e offerte speciali, ottenendo una cifra dalle previsioni di vendita. Per le imprese non basate su unità, viene fatto il guadagno unitario di un euro e si inseriscono i costi in percentuale di un euro. Le domande più comuni su questo input riguardano la media di molti prodotti diversi in una singola stima.

Costo medio unitario: è il costo incrementale, o costo variabile, di ciascuna unità di vendita. Se si acquistano beni per la rivendita, è ciò che viene pagato, in media, per le merci vendute. Se si vende un servizio, questo è ciò che costa, per ogni euro di entrate o unità di servizio erogato, per fornire quel dato servizio.

Costi fissi mensili: come detto precedentemente, un’analisi di pareggio definisce i costi fissi come quelli che continuerebbero anche se venisse a mancare. Invece, il consiglio è quello di utilizzare i costi fissi correnti, inclusi i salari e le spese normali (spese operative mensili totali). Questo offrirà una visione migliore delle realtà finanziarie. Se la media e la stima sono difficili, utilizzare la tabella dei profitti e delle perdite per calcolare una stima del costo fisso funzionante: sarà una stima approssimativa, ma fornirà un utile input per un’analisi di pareggio conservativa.

Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi