In cosa consiste il trading ad alta frequenza

Il trading ad alta frequenza (HFT) è un tipo di trading algoritmico che utilizza la tecnologia per interpretare rapidamente i dati ed eseguire operazioni. Nel 2009, l’HFT rappresentava tra il 60% e il 73% di tutti i volumi degli scambi azionari negli Stati Uniti con singoli operatori che effettuavano migliaia o milioni di scambi al giorno. Da allora, la sua popolarità ha iniziato a declinare in mezzo ad una maggiore concorrenza e al controllo governativo a seguito del Flash Crash.

A partite dal 2 settembre 2013, è stato introdotto in Italia un nuovo sistema di tassazione, il quale ha introdotto un’imposta dello 0.2% sulle operazioni eseguite in HFT nell’arco di 0.5 secondi o meno.

Esempi di traders HFT

I commercianti ad alta frequenza utilizzano una serie di strategie diverse progettate per sfruttare le inefficienze del mercato. Poiché questi scambi avvengono in modo algoritmico, i ricercatori di mercato possono individuarli in modo relativamente semplice.

La cosa più comune è che molti traders HFT fanno affidamento sulle cosiddette strategie a bassa latenza per generare profitti. Coloro che dispongono di connessioni estremamente veloci, tipo reti a microonde su lunghe distanze, approfittano della differenza di prezzo che la stessa sicurezza può avere in più scambi. Queste differenze possono essere singolarmente molto piccole, ma possono aggiungere numeri significativi molto rapidamente.

I traders HFT focalizzati sulle operazioni di market making mirano a capitalizzare lo spread tra i prezzi bid e ask. Alcune borse offrono anche sconti sui ribassi agli operatori di mercato disposti a negoziare in titoli relativamente illiquidi, fornendo un ulteriore modo per generare profitti automatizzati.

Possono inoltre trarre vantaggio da opportunità di arbitraggio, come ad esempio eventi o arbitraggi statistici, utilizzando anche un software automatizzato. Ad esempio, potrebbero esserci inefficienze di mercato nella determinazione del prezzo tra obbligazioni nazionali o valute contrattuali spot e forward. I traders HFT possono generare profitti acquistando un asset e vendendone un altro fino a quando la differenza tra loro non si chiude.

Tutte queste strategie sono focalizzate sulla generazione di piccoli profitti da inefficienze che si sommano a grandi numeri nel tempo. Con migliaia o milioni di scambi effettuati ogni giorno, fare soldi per ogni scambio può tradursi in milioni di euro.

Rischi e ricompense nell’HFT

Il trading ad alta frequenza può generare profitti significativi a un rischio relativamente basso. Ad esempio, i traders HFT che sfruttano uno scenario di arbitraggio affrontano un rischio eccezionalmente basso, in quanto non utilizzano alcuna leva finanziaria e l’acquisto e la vendita simultanei rimuovono tutti i rischi associati alla sicurezza individuale negoziata.

Il problema sorge quando gli algoritmi informatici utilizzati per generare negoziazioni HFT sono soggetti ad errori. Ad esempio, una società potrebbe perdere milioni di euro in soli 45 minuti quando tenta di modificare i propri algoritmi per competere efficacemente contro un nuovo programma lanciato lo stesso giorno.

Immagine da purefinancialacademy.com

Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi