Cos’è e come funziona un contratto a termine

Un contratto a termine è un contratto scritto in forma privata tra due parti per l’acquisto o la vendita di beni, a un prezzo stabilito concordato e in una data futura specificata.

Quali sono i vantaggi dei contratti a termine?

Con i contratti a termine, fissando il tasso di cambio per un massimo di due anni si può evitare di restare sorpresi da eventuali fluttuazioni impreviste dei tassi che potrebbero influire sul prezzo delle transazioni.

Ad esempio, se una persona decide di acquistare una proprietà all’estero, l’utilizzo di un contratto a termine gli darebbe un prezzo basato sul tasso di cambio di quel preciso momento (anche se potrebbe dover pagare un piccolo deposito). In questo modo è possibile garantire che non ci sarà influenza da eventuali movimenti del tasso di cambio quando sarà il momento di regolare il contratto tramite il trasferimento di denaro.

Quando usare un contratto a termine?

Un contratto a termine è particolarmente utile per acquisti importanti come:

  • Acquisto di proprietà
  • Manutenzione di proprietà
  • Pagamenti regolari o graduali nel tempo

Questo perché nelle grandi quantità di denaro, anche una fluttuazione dell’1% può avere un impatto significativo sulla quantità di valuta acquistata. Garantisce inoltre la possibilità di pianificare in modo accurato un budget sapendo esattamente quanti euro verranno prelevati da un conto e la quantità di valuta che verrà consegnata.

Perché la tariffa forward è diversa dal tasso di cambio corrente?

I tassi forward si basano sul tasso di cambio prevalente, ma sono adeguati ai differenziali dei tassi d’interesse tra le valute interessate. Entrambe le parti sono assoggettate alla tariffa concordata al momento del contratto, che rimarrà fissa fino alla scadenza.

Differenza tra un contratto a termine e un contratto futures

In primo luogo, in entrambi i casi il commerciante è impegnato a dare o a prendere in consegna una merce ad una data stabilita e ad un prezzo prestabilito.

Il contratto a termine è maggiormente flessibile, in quanto non è standardizzato e non ha termini e condizioni fissi. Flessibilità significa anche maggiori rischi per le controparti, mentre nei contratti futures il tasso di profitto / perdita è calcolato quotidianamente.

I contratti a termine tendono a essere meno volatili, i beni semplici (come una proprietà o un singolo oggetto costoso) sono usati dalle hedger in modo che la transazione e la consegna concordate siano solitamente completate. I contratti futures sono spesso usati dagli speculatori che scommettono sulle variazioni di prezzo del bene e spesso non raggiungono mai la fase di consegna.

Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi